top of page

Osteopatia e voce

Aggiornamento: 8 gen 2023

L’Osteopatia può essere un valido aiuto in ambito Foniatrico e Otorinolaringoiatrico poiché offre una chiave di lettura del “sintomo” vocale e dei disturbi della sfera ORL che tiene conto della globalità dell’individuo, e delle relazioni e connessioni non solo a livello muscolofo-fasciale e scheletrico ma anche a livello viscerale e cranio-sacrale.


L’Osteopata dialoga ed interagisce costantemente con altri professionisti per garantire un approccio interdisciplinare ai disturbi della voce e dell’ambito ORL. (Foniatri, otorinolaringoiatri, odontoiatri e gnatologi, gastroenterologi, dietisti e nutrizionisti, logopedisti, fisioterapisti, nutrizionisti insegnanti di canto e Vocal coach).


DISTURBI DELLA VOCE CHE SI POSSONO TRATTARE CON L'OSTEOPATIA

I disturbi vocali sono un corollario sintomatologico che ha nella perdita o alterazione della qualità vocale parlata o cantata, la punta del proprio iceberg.

I sintomi sono svariati e tra questi ricordiamo:

  • Fatica vocale e stanchezza dopo l’utilizzo della voce (fonoastenia);

  • Dolore alla gola (faringodinia),

  • Sensazione di nodo alla gola (globo faringeo),

  • Sensazione di secchezza delle fauci e/o secchezza in gola

  • Necessità di schiarire ripetutamente la voce

  • Episodi di abbassamento o perdita della voce,

  • Raucedine persistente con voce gracchiante

  • Voce soffiata e ariosa

  • Difficoltà nella proiezione vocale

  • Voce stimbrata

  • Alterazioni della frequenza vocale.

  • Sensazione di mancanza di fiato

Questi disturbi possono essere primari, ovvero legati ad un uso eccessivo o scorretto dell’apparato pneumo- fono articolatorio con secondarie alterazioni posturali dell’assetto laringeo, tensione a livello della muscolatura intrinseca o estrinseca della laringe e della regione cervicale, tali problematiche hanno una obiettività laringostroboscopica, negativa per patologia d’organo; è possibile altresì riscontrare i sintomi succitati secondariamente a patologie organiche a carico delle corde vocali come nel caso di noduli cordali, polipi, sulcus, vergetures, cisti, etc… , in tal caso l’esame videolaringostroboscopico permetterà di evidenziare la lesione causa del disturbo di voce.


Osteopatia e Voce

La laringe è l’organo fonatorio posizionato nella regione anteriore del collo, è innervata dal ramo ricorrente del nervo vago (X n.c) e relazionata per mezzo di muscoli, fascia e legamenti con le strutture circostanti. A livello viscerale ha relazioni intime con la ghiandola tiroide, la trachea e per suo tramite con l’apparato respiratorio, con la regione faringea e con l’esofago, a livello osseo le relazioni più importanti si realizzano con lo ioide, e grazie ad esso tramite un sistema di muscoli e fasce, contrae rapporti con mandibola, cranio, regione cervicale, con lo sterno e le coste.

La laringe è situata in una zona di grande valenza somato-emozionale, aspetto da tenere in grande considerazione sia sul piano diagnostico che terapeutico.

La laringe può essere vittima di squilibri muscolo-scheletrici e adattamenti realizzati per ottimizzare il controllo posturale, laddove la capacità di adattamento del corpo si esaurisce si instaurano delle disfunzioni che possono riguardare le strutture fonatorie e contribuire al disturbo vocale stesso.

All’interno della complessità del meccanismo fonatorio dobbiamo considerare il diaframma e le sue relazioni con la gabbia toracica e le pleure, la colonna dorso lombare, la regione addominale, e pelvica.

Ecco perchè quando si parla di Osteopatia della voce e di trattamento Osteopatico della voce, si tiene conto delle molteplici relazioni che sussistono tra il sistema fonatorio e le strutture circostanti.


IN COSA CONSISTE IL TRATTAMENTO OSTEOPATICO della voce?

Il trattamento consiste nella valutazione (statica e dinamica) e successivo trattamento sia delle disfunzioni a livello globale, considerando gli adattamenti posturo-dinamici, recettoriali e viscerocraniali, sia di quelle specifiche del distretto testa-collo (Vocal tract- apparato stomatognatico) e della regione laringea.


In ambito Neuro Osteopatico è indispensabile inoltre, prendere in considerazione l’aspetto informazionale considerando i circuiti neurologici afferenti ed efferenti alla produzione vocale e trattare le specifiche proiezioni riflesse.


L’obiettivo è individuare le informazioni neurologiche disturbanti, gli schemi di movimento disfunzionali e le perdite di mobilità e portare il corpo verso il raggiungimento di un equilibrio omeostatico che si traduce in maggiore dinamica e mobilità e verso l’eufonia.

Il trattamento osteopatico della voce, si avvarrà anche di un approccio specifico sulla laringe che prevede laddove indicato e concordato con il paziente, l’uso di manipolazioni laringee che sono uno ma non l’unico strumento a disposizione dell’Osteopata.


Check-up vocale


L’Osteopatia è soprattutto una disciplina salutogenica permette ossia il mantenimento dello stato di salute, in questo caso vocale, del soggetto, ha pertanto una enorme finalità preventiva: individua la struttura in disfunzione e limita l’instaurarsi di un circuito disfunzionale che porterebbe all’espressione del sintomo voce.


Quello che i miei pazienti fanno ormai da anni è il check-up della voce e da quest’anno sempre più richiesto è il check-up osteopatico della voce attraverso il quale non solo ci preoccupiamo della corretta emissione ma del corretto funzionamento del sistema corpo per garantire una corretta emissione vocale.


Dott.ssa D.O. Roberta La Vela


Comments


bottom of page